Fatture d’amore : esistono ? Come riconoscerle e difendersi

magia e fatture d'amoreSono numerose l’email che giungono in redazione ai nostri esperti circa le cosidette “fatture d’amore” : e constatato che l’argomento riscuote un notevole interesse, abbiamo deciso di trattarlo ancora con una serie di articoli che, speriamo, servano a tranquillizzare e ad aiutare i nostri amici lettori.

Alla domanda se esistono “fatture d’amore” la risposta è certamente si.
E’ vero che una buona parte della popolazione “sorride” di fronte a questa risposta, come allo stesso tempo un’altra buona parte ritiene la cosa vera ma affronta l’argomento in modo troppo superficiale ritenendole a “portata di mano”.

Vediamo di chiarire alcuni concetti di base.
Il termine “fattura” significa che mediante la rappresentazione del “soggetto” da colpire mediante un oggetto si può operare su questo a distanza.
Ma in quale modo e con quali forze ?
Sostanzialmente esistono due “modus operandi” : il primo è quello di utilizzare “forze ed energie con poteri preternaturali “, il secondo è utilizzare “forze del pensiero” che in alcuni soggetti ( rarissimi per nostra fortuna ) riescono a sprigionare.

Esaminiamo il primo modo di operare : quasi tutti noi crediamo nello spirito, nella sua sopravvivenza dopo la morte, e la maggioranza di noi crede nella divisione, che può apparire anche grossolana, in “spiriti buoni” e “spiriti cattivi”.
Ed ereditiamo dalla religione cristiana e cattolica i concetti e le idee che ci siano “angeli”, sostanzialmente spiriti purissimi al servizio di Dio e del bene degli uomini, e “demoni”, spiriti che tentano di nuocere agli uomini in tutti i modi possibili e che si oppono a Dio stesso e che, nella realtà , sono degli “angeli decaduti” ma che hanno conservato intatto tutto il loro “potere preternaturale” in quanto angeli.

L’uomo è stato dotato da Dio di “libero arbitrio”, ovvero della completa e assoluta libertà  di scegliere tra quello che può essere classificato come “bene” e come “male”.
Questo libero arbitrio concorre a tutte le scelte umane : ovviamente gli “angeli” cercheranno di “orientare” l’uomo alle scelte buone, i “demoni” cercheranno di orientare l’uomo a quelle “negative”.

A questo punto occorre brevemente spiegare il perchè di tutto questo : perchè i demoni , che si sono ribellati a Dio, desiderano dimostrare a Dio stesso che gli uomini hanno scelto , come loro, la ribellione a Lui.
Ovviamente non pretendiamo, ne sarebbe il caso, di fare qui un trattato di teologia : ci basti sapere che i “demoni” concorrono a tutto ciò che per l’uomo può rappresentare una scelta negativa e non disdegnano di utilizzare i loro poteri preternaturali per ottenere lo scopo.

Ora torniamo, pur se brevemente, sull’argomento “libero arbitrio” : ognuno di noi ne è dotato e consegue le sue scelte proprio in base a questo.
Prendiamo l’esempio di una coppia : entrambi hanno scelto “liberamente” di stare insieme per un pezzo di vita e si relazionano tra di loro.
Ma contestualmente è anche vero che, proprio usufruendo della libertà  di scelta, uno dei due può disimpegnarsi dal rapporto e terminare una relazione.

Ora , potenzialmente, esistono due tipi di “fatture” o “magie” d’amore : quelle di unione e quelle di separazione.
Si intuisce subito, e qui non serve spiegarlo, che entrambe sono negazioni del “libero arbitrio”, ovvero tentano ( perchè non è detto che ci riescano ) di intaccare la libertà  dell’individuo e di “forzare” le sue scelte.

Ora i primi “negatori” della libertà  dell’uomo sono proprio i demoni : non è dunque difficile immaginare che cerchino di aiutare chiunque cerchi di privare di tale libero arbitrio un qualsiasi uomo.

Ovviamente i demoni hanno , giusto per scimmiottare Dio, oseremmo dire una propria “liturgia”, proprie “orazioni” ( formule ) , riti ( rituali ) e così via.
Ma nella realtà  i demoni , per cogliere come si suol dire “due piccioni con una fava” , tentano di “guadagnare” alla loro causa non solo il malcapitato nei confronti del quale è diretto il rituale o fattura, ma anche colui che lo fa operare.
Perchè ? Semplice : chi ordina il rituale o la fattura cerca di privare l’altro del suo “libero arbitrio”, quindi cerca di “violare” un dono di Dio, di conseguenza si pone in opposizione a Dio stesso.
E non c’è ragione di amore che tenga : che amore è se alla fine si cerca di legare a se una persona che non lo desidera pià¹, o separare una persona da un altra con cui è felice solo per averlo per sè ?

Ovviamente ci sono alcune “armi” che i demoni usano e preferiscono : la prima arma è quella di far credere che non esistano e questo, strano a dirsi, lo fa cercando di far negare la sua stessa esistenza e intervento al semplice scopo di agire “indisturbato”.
Un altra arma preferita dai demoni è quella di creare una specie di “velo” sulla sua azione.
Ecco allora che si sente parlare di “magia bianca”, di “magia rossa” e di tutti ci colori dell’arcobaleno !
Se per “magia nera” intendiamo ogni “arte di influenzare un uomo tali da imporgli scelte diverse da quelle che farebbe dispondendo autenticamente del suo libero arbitrio” , ogni arte che tende a fare questo può avere un solo nome : “magia nera”.
Ma si sa che termini come “magia bianca” o “magia rossa” tendono a tranquillizzare chi ad esse si rivolge per ottenere un apparente “beneficio” : è come , in pratica, qualcuno vi somministrasse una droga pesante camuffando le compresse come un normalissimo lassativo.

In questo modo i “demoni” possono entrare pi๠facilmente nella vita sia di chi “ordina” sia del malcapitato che riceve gli effetti : e possiamo immaginare che se riescono ad entrare cercheranno di “devastare” la loro vita fino al punto di portarli alla disperazione e alla loro stessa ribellione contro Dio.
Ovviamente i demoni usano una tecnica particolare : quella di “regalare” agli inizi un briciolo di vita serena e apparentemente tranquilla, salvo poi devastarla ( e qui molti chiamano questa fase ” colpo di ritorno” ) fino a , in molti casi, a ottenere risultati impressionanti.

Perchè il loro scopo non è affatto quello di favorire l’uomo , ma di annientarlo come si sono annientati loro .

Premesso brevemente le “modalità ” e i “servitori” di queste cosidette fatture, va chiarito un altro concetto che riteniamo importantissimo.
Le fatture d’amore sono molto pi๠rare di quanto si possa noi stessi immaginare.

Contrariamente a quello che si pensa non sono affatto così facili da farsi e diffuse e spesso, molto spesso, si confondono normalissime crisi di coppia con magie perpretate alle loro spalle, oppure si crede davvero così facile separare o unire due persone.

E troppo spesso si confondono i “sintomi” di quelli che noi chiamiamo “malefici”  con normalissimi comportamenti o accadimenti che altrimenti, a un esame di uno specialista, non descriverebbero affatto intervento di “magia”.
Uno dei “sintomi” ad esempio pi๠comuni in una coppia può essere rappresentato dalla stranissima quanta improvvisa irritabilità  del partner che , a nostro modo di vedere, ci trascura, diventa improvvisamente irritabile alla nostra presenza, urla, grida, ci manda a quel paese.
Ma nel 90 % delle coppie l’altro partner non mette in conto, quasi mai , che la persona amata potrebbe soffrire di qualche problema che non ha il coraggio o la voglia di confessarci, che magari sono i nostri comportamenti che sono cambiati, o che si attraversa un normale periodo di crisi di coppia, o che pi๠semplicemente l’altro si sia stancato di noi e non ha il coraggio o di ammetterlo o di dirlo.

E così si cade nella convinzione che ci sia qualcosa che “non quadra” e il pensiero vola immediatamente a che qualcuno ci “stia facendo del male attraverso la magia”.

Diverso invece è il caso di alcuni sintomi , che noi chiamiamo “disturbi”, la cui comparsa è effettivamente un campanello d’allarme.

Ci ripromettiamo , nei prossimi articoli, di approfondire una serie di “disturbi” che vanno presi in considerazione per valutare se effettivamente è possibile che stiano intervendo “magie e fatture” : in altre parole che ci si trovi di fronte a un vero maleficio.

Disturbi che quasi sempre iniziano con un improvviso allontanamento dal “religioso”, che vanno spesso a concludersi con una vera e propria avversione per il sacro, oppure  manifestandosi con improvvisi stati di salute “indecifrabili” che vanno da improvvisi cerchi alla testa , ad altrettanti improvvisi conati di vomito, stati di depressione che si alternano a stati di euforia .
Ma uno dei “sintomi” che maggiore certezza offre è la comparsa improvvisa in uno dei due partner o in entrambi di “chiaroveggenza” che da la netta impressione di sapere in anticipo quello che sta per accadere o anche pi๠semplicemente prevedere anche sugli altri eventi che di li a poco effettivamente accadranno.
[ …continua … ]