Sacramentali : l’olio benedetto e i malefici

esorcismi malefici olio esorcizzato Abbiamo considerato come una persona possa essere colpita da un meleficio e abbiamo visto come spesso, con delle benedizioni di un sacerdote e preghiere, la persona possa essere “liberata”.
Tuttavia in molti casi ci si accorge che c’è bisogno di un ulteriore aiuto, e in questi casi vengono utilizzati i Sacramentali ( olio, acqua e sale esorcizzato ).
Nel Rituale Romano esistono particolare preghiere per esorcizzare l’olio, l’acqua e il sale, ed ognuno di questi Sacramentali svolge una funzione particolare.
L’olio benedetto ha una specifica caratteristica : quella di “separare” le negativita’ dal corpo.
Spesso, nei casi sospetti di persone colpite da meleficio, o afflitte da qualunque male malefico, non si ha alcune reazione o beneficio dopo qualche benedizione, per cui, spesso , si e’ portati a pensare che non ci si trovi di fronte a niente di particolare.
In molti casi l’uso di olio benedetto si rende capace invece di confermare i sospetti : nelle persone a cui le benedizioni sembrano non offrire nessun beneficio, appena fanno uso di olio benedetto ne iniziano a dare segni di qualche male malefico.
In alcuni casi si riscontra mal di stomaco, crampi allo stomaco, senso di gonfiore anche alla pancia, e in molti casi conati di vomito .
Sappiamo come alcuni malefici vengo operati facendo ingerire alla vittima qualcosa di maleficato : per un motivo assolutamente sconosciuto sembra che questo “qualcosa” di maleficato venga “trattenuto” a livello dello stomaco o di intestino.
Sembra assurdo ma e’ così : la sostanza maleficata ingerita sembra stazionare nello stomaco da dove trasmetterà tutta la sua negatività.
Il contatto con l’olio benedetto scatena una sintomatologia riconoscibilissima : se la persona usa olio normale non si verifica nessun disturbo, ma non appena ingerisce una minima quantita’ di olio esorcizzato, iniziano crampi, dolori spesso intensi che sembrano sposatrsi dallo stomaco all’esofago e scendere giù nell’intestino, mal di testa, conati di vomito e altri che non stiamo a descrivere.
In molti casi l’uso dell’olio benedetto mette alla luce che la persona è stata colpiata da un male malefico : spesso l’olio viene usato per cucinare all’insaputa stessa della persona.
Ma è possibile che un male malefico o un maleficio possa determinare la comparsa di oggetti strani all’interno dello stomaco ?
La risposta è assolutamente affermativa : basta andare alla Scala Santa a Roma e visionare un cestello appartenuto al grande Padre Candido per accertarsi di persona di “oggetti” tra i piu’ strani vomitati da persone afflitte da malefici o mali melefici : dai pezzi di vetro a chiodi che inspiegabilmente stazionavano nello stomaco delle vittime.
Il perchè di tutto questo non è ancora determinato : sembra che le sostanze maleficate che vengono fatte ingerire ai poveri malcapitati, oltre a stazionare nel loro stomaco dove “irradiano” tutta la lora insana negaticità, siano anche in grado di far materializzare ogni sorta di oggetto.
Ad esempio è frequentissimo che malefici atti a separare due persone siano operati facendo ingerire ad una delle vittime o a entrambi sostanze maleficate.
Spesso in un caffè, in un pasticcino, in un cioccolatino vengono nascoste sostanze che ingerite dopo un pò iniziano la loro nefasta azione : inizieranno a sentire repulsione reciproca, a determinarsi incomprensioni, sensi di prostrazione , malesseri che sfociano in avversione per l’altro, litigi spesso immotivati e furibondi che portano con il tempo alla conclusione di un amore, di un matrimonio.
La cosa aberrante è ottenuto lo scopo il maleficio continua ad operare : ritorni impossibili , ma soprattutto a carico delle vittime possono generarsi situazioni davvero drammatiche.
Malattie che sfuggono alle diagnosi, incapacità allo studio, al lavoro, perdite di amicizia, allontanamento dalla fede, vere e proprie avversioni al sacro, tutto ciò che il povero malcapitato intraprende sembra dissolversi nel nulla, concorsi non superati, lavoro perso.
Le giornate si fanno cupe, svogliatezza e malesseri inducono a stare in casa , a letto.
In moltissimi casi la negatività si trasmette ai familiari, agli amci : in modo più o meno intenso anche chi vive intorno ai malcapitati inizieranno a sentire gli influssi della negatività.
Nei casi di ingestione di sostanze maleficate l’olio benedetto è l’aiuto necessario alle benedizioni ch eil sacerdote impartisce : spesso l’uso dell’olio può impegnare settimane, mesi.
Ci sono persone che dopo alcuni mesi hanno vomitato e sono stati immediatamente liberi : spesso i malcapitati confessano che assumendo olio esorcizzato sentono come un “tumulto” al loro interno, con dolori che si spostano in continuazione, con crampi improvvisi .
Molto spesso, per esempio nel caso di malefici per separare due persone, se l’altro si avvicina o parla aumentano i dolori o i crampi.
Ma l’olio benedetto può essere usato anche per lenire dolori strani esternamente ? Sicuramente : l’olio era usato fin dai tempi più antichi come lenimento di alcuni malanni.
Ancora oggi è in uso passare olio benedetto sulla parti malate, soprattutto se si ha il sospetto che questi siano generati da malefici o mali malefici.
Infine ricordiamo che i Sacramentali vengono in aiuto dei malcapitati, ma quello che li aiuterà definitivamente a liberarsi è ovviamente un ritorno ad un intensa vita di fede , alla preghiera